Le-migliori-spiagge-italiane-con-bandiera-blu-2018

Quali sono le caratteristiche delle spiagge riconosciute bandiera blu

Quando si parla di destinazioni marittime, uno dei riconoscimenti più ambiti è la Bandiera Blu. Il titolo viene conferito annualmente dalla Foundation for Environmental Education alle destinazioni costiere che rispettano alcuni fondamentali parametri in termini di qualità delle acque di balneazione e di servizi proposti. Sono molte le località balneari italiane che ottengono il riconoscimento di Bandiera Blu da diversi anni consecutivi, portando l’Italia in ottima posizione.

Acqua limpida, fondali sicuri e puliti, spiagge accessibili a bambini, anziani e disabili, ma anche intrattenimento e servizi a disposizione dei turisti sono solo alcuni dei parametri fondamentali della FEE per l’assegnazione del riconoscimento.

Quali sono le spiagge con bandiera blu nel 2018 in Italia

Non sorprende la convocazione all’evento di premiazione del Veneto, con le sue lunghe spiagge sabbiose. Tra le spiagge più belle, da diversi anni premiate con la bandiera blu quella di Bibione (San Michele al Tagliamento), Caorle e Cavallino Treporti. Pare essere tra le candidate anche quest’anno inoltre la spiaggia del Lido di Venezia.

In Liguria è atteso l’arrivo della Bandiera Blu per le spiagge di Bordighera, Taggia, Santo Stefano al Mare e San Lorenzo al Mare alle quali si aggiungeranno le numerose altre località della regione che da anni si distinguono per qualità e servizi resi.

La Riviera Romagnola da diversi anni fa bella mostra di molteplici Bandiere Blu, affiancate da quelle Verdi che ne indicano l’apprezzamento per i servizi dedicati alle famiglie. Da Bellaria a Cattolica, passando per Milano Marittima, Cesenatico, Rimini e Riccione, la maggior parte delle cittadine romagnole rientrano nei rigidi parametri di qualità della FEE.

In Abruzzo praticamente confermata bandiera blu 2018 quella di Vasto. Grande varietà di ambienti marittimi, spiagge selvagge si alternano a quelle attrezzate, denominatore comune il rispetto dell’ambiente e la qualità delle acque. A fianco di Vasto anche Alba Adriatica, Tortoreto e Giulianova.

Per quanto riguarda il territorio marchigiano al momento i rumors parlano della spiaggia di Fermo, come candidata al prestigioso riconoscimento, già convocata a Roma per la premiazione ufficiale.

La spiaggia di Follonica riceve quest’anno il 19° vessillo consecutivo come dimostrazione di un’elevata qualità di acque e servizi. Si tratta di una destinazione insignita anche della Bandiera Verde dell’Associazione Pediatri come meta ideale per i più piccini.

Potrebbe ottenere la sua quarta bandiera blu anche la spiaggia di Terracina, in provincia di Latina. La nota località, appartenente al Parco nazionale del Circeo, è anche una città ricca di storia e cultura che unisce il patrimonio artistico italiano alla classica vacanza al mare. Assieme a Terracina, candidate anche Sabaudia, Latina, San Felice, Sperlonga, Gaeta e Ventotene.

Tantissime le cittadine di mare campane candidate alla prestigiosa Bandiera Blu 2018. Lo scorso anno fu conquistata da Massa Lubrense, Anacapri, Positano e in 15 spiagge del Cilento. Per quest’anno si prevede il riconoscimento anche per Ispani.

Il vero record di bandiere blu consecutive dovrebbe essere quello di Ostuni, la città bianca, che viene premiata per il 24° anno. Assieme ad Ostuni candidata anche Fasano e Carovigno per il territorio del Salento. In Puglia potrebbe essere insignita anche la spiaggia di Rodi Garganico, quest’anno sarebbe la sedicesima volta.

Per vivere una vacanza da sogno, scegli una spiaggia con bandiera blu e segui i nostri consigli su come organizzare una vacanza al mare.